Venerdì 21 Settembre 2018 A tutto SKA con Manovalanza e Le Iene

A tutto Ska

A tutto Ska

Ripartono i concerti del K100Fuegos con una serata a tutto SKA

Dalle 22:30

Da Firenze i Fish Bones con il loro ska – punk – rap, all’attivo dal 2013, stanno per presentare il loro nuovo disco.

I Manovalanza da San Sepolcro, gruppo ska-punk italiano attivo dal 2006 riporteranno sul nostro palco tutta l’energia accumulata quest’estate nel loro secondo tour in Mexico. 4 album all’attivo tutti da ballare.

Posted in concerti | Comments Off on Venerdì 21 Settembre 2018 A tutto SKA con Manovalanza e Le Iene

Domenica 16 Settembre 2018 Diario Di Viaggio Dal ROJAVA

Diario Di Viaggio Dal ROJAVA

Diario Di Viaggio Dal ROJAVA

Ore 17:30
In collaborazione con il CPA Fi-Sud e Rete Kurdistan Italia presenta:

“Un utopia Concreta. Le montagne Kurde e la rivoluzione in Rojava: un diario di viaggio”
Alla presenza di uno dei redattori di Lower Class Magazine, autori del libro, e della Rete Kurdistan Italia

Dalle 20:30 Cena

UN’UTOPIA CONCRETA
Lower Class Magazine

Le montagne del Kurdistan e la rivoluzione in Rojava: un diario di viaggio.

Prefazione di Anja Flach
Edizione italiana a cura di Rete Kurdistan
REDSTAR Press

«La rivoluzione in Kurdistan è importante per tutto il mondo perché mostra un’alternativa al capitalismo. Il suo significato è universale. Le curde e i curdi lottano, ma non è una lotta solo curda. È la nostra comune lotta per la pace e la democrazia».

Nel nord della Siria, nel mezzo di una delle guerre più crudeli dei nostri tempi, centinaia di migliaia di persone stanno conquistando, insieme a istituzioni basate sulla democrazia consigliare e la parità tra uomo e donna, meccanismi di convivenza pacifica tra tutte le etnie e gli orientamenti religiosi del Medio Oriente.
Nella primavera del 2017 alcuni redattori di «Lower Class Magazine» hanno viaggiato dalla Germania al Kurdistan e, dopo un soggiorno nella zona montuosa sul confine turco-irakeno, sono entrati nelle pianure del Rojava per mettersi a disposizione della rivoluzione in corso e, soprattutto, per imparare da questa esperienza straordinaria. Così, vivendo sulle montagne insieme alla guerriglia, sperimentando in prima persona il funzionamento del confederalismo democratico nella Siria del Nord, costruendo case e pascolando pecore, indagando sulla provenienza delle armi europee usate contro la popolazione civile e combattendo a Raqqa contro lo Stato Islamico, ha preso corpo questo libro: un diario di viaggio che entra nel vivo dei profondi cambiamenti in corso e che mostra in presa diretta come la Rivoluzione del Rojava stia salutando l’avvento di un’utopia concreta.

LOWER CLASS MAGAZINE – In rete dal 2013, lowerclassmag.com è un punto di riferimento per la controinformazione europea, in modo particolare per quanto riguarda l’analisi degli avvenimenti in corso – che si tratti di Germania, Colombia, Turchia, Ucraina o Siria – seguiti sempre grazie alla presenza di corrispondenti sul campo e alla rigorosa verifica delle fonti

Posted in iniziative | Comments Off on Domenica 16 Settembre 2018 Diario Di Viaggio Dal ROJAVA

Sabato 15 Settembre 2018 dai Un calcio al razzista

Dai un calcio al razzista

Dai un calcio al razzista

UN CALCIO AL RAZZISTA
Torneo di calcio popolare contro tutti i razzismi

Dalle 10 torneo di calcio a 5 al Circolo Dino Manetti
Via Francesco Baracca, 2, 50013 San Piero a Ponti, Campi Bisenzio FI

Per Info e iscrizioni delle squadre 3389092755 (Federico)

Durante la giornata bar, panini, musica e spazio bimbi.
Pranzo con penne alla pecora!

Posted in iniziative | Comments Off on Sabato 15 Settembre 2018 dai Un calcio al razzista

Contro la repressione, Solidarietà a Maremma Antifascista

Nel fine settimana del 8/9 settembre a Grosseto Casa Pound organizza un appuntamento nazionale.
Le compagne ed i compagni del grossetano, riuniti nel neonato coordinamento Maremma Antifascista, si stanno mobilitando per essere presenti e manifestare in città contro la presenza dell’organizzazione fascista, esprimendo la contrarietà di tanti abitanti del territorio che non ne vogliono sapere di avere per due giorni qualche centinaio di vermi a strisciare per la città.

Già il 25 agosto sono stati in Piazza per una passeggiata antifascista e l’8 settembre è stata organizzata una manifestazione che raccoglie realtà regionali e nazionali, in una logica di unità ma anche chiarezza nei contenuti, in cui l’antifascismo si lega naturalmente alle lotte politiche e sociali, sul lavoro e nelle scuole, alla lotta contro la repressione, all’antirazzismo ed all’antisessimo.
(https://www.facebook.com/maremmaantifa/)

In questo clima repressivo, costruito e rafforzato da anni di governi di centro sinistra, in cui i fascisti vengono vezzeggiati, a volte accusati di essere goliardi!, ed i compagni repressi, questo è accaduto subito, con una celerità a dir poco sospetta, a Grosseto. Una decina di denunce, per ora, e convocazioni in questura, per i protagonisti della lotta. Manifestazione non autorizzata, il reato. Solamente una banale scusa per reprimere e cercare di ridurre al silenzio un movimento nato da poco e che, evidentemente, non fa dormire sonni tranquilli a Digos e istituzioni cittadine.

Appare ancora una volta lampante come i fascisti siano coperti, tutelati, integrati; da sempre sotto un velo di finto ribellismo si trovano i servi del sistema. Era così negli anni 20/30, così negli anni 70/80 e così è adesso. Questa è Casa Pound, finti ribelli, amici delle questure, che invocano protezione contro i terribili antifascisti e solidarizzano con sbirri feriti.

Come Firenze Antifascista siamo purtroppo impegnati il giorno 8 nella celebrazione alla Casina dei Partigiani in Fontesanta da dove partì la Brigata Sinigaglia per scendere a Firenze e potremo essere solo in numero ridotto a Grosseto.

Crediamo però sia un appuntamento importante ed invitiamo tutti/e a partecipare, consapevoli dell’importanza dell’antifascismo e del mutuo sostegno di classe.

Massima solidarietà a Maremma Antifascista ed a tutt* coloro colpiti dalle denunce, fin da subito disponibili ad organizzare insieme una giornata di confronto politico e di appoggio per le spese legali.

CONTRO LA REPRESSIONE: ESTENDERE LA SOLIDARIETÀ E RILANCIARE LA LOTTA

Firenze Antifascista

di seguito il Comunicato di Maremma Antifa
https://www.facebook.com/…/rpp.2346924272…/239054283475033/…

Corteo antifascista a Grosseto

Corteo antifascista a Grosseto

Posted in comunicati, Firenze Antifascista | Comments Off on Contro la repressione, Solidarietà a Maremma Antifascista

Domenica 2 settembre 2018 Il nemico in piazza

Il nemico in piazza

Il nemico in piazza

Liberazione di Campi Bisenzio
02/09/44 – 2/09/18

Alle 19 proiezione IL NEMICO IN PIAZZA
documentario di Marzia De Luca e Dario Salvetti sulla strage neofascista di Piazza Dalmazia (FI) del 2011, su razzismo, violenza xenofoba e condizioni dei migranti.
https://www.facebook.com/ilnemicoinpiazza/

20:30 Cena con penne alla pecora o carrettetiera

Dalle 22:30 musica resistente con:
Banda K100
Brigata Valibona

Posted in iniziative | Comments Off on Domenica 2 settembre 2018 Il nemico in piazza

Comunicato presidio alla Baekert

Ieri sera ven 10 Agosto una delegazione del Cantiere Sociale Camillo Cienfuegos unito a una delegazione degli operai GKN hanno coperto un turno notturno al presidio davanti ai Cancelli della Bekaert di Figline Val D’Arno insieme agli operai in lotta per difendere il proprio posto di lavoro.
Invitiamo tutti a partecipare e sostenere in ogni forma la lotta degli operai della Bekaert per ribadire che il LAVORO é un DIRITTO e non un regalo o una concessione dei padroni.

Se toccano uno toccano tutti!

Le compagne e i compagni del Cantiere Sociale Camilo Cienfuegos

Per info e contatti con i lavoratori in lotta seguite:
https://www.facebook.com/I-lavoratori-Bekaert-sono-io-228875897902121/

Striscione cantiere bekaert

Striscione cantiere bekaert

I lavoratori Bekaert sono io!

Posted in Cantiere Sociale Camilo Cienfuegos, comunicati, iniziative, manifestazione | Comments Off on Comunicato presidio alla Baekert

Venerdì 27 Luglio 2018 Ciao Sugo Partigiani Sempre!

Nella mattina di Domenica 22 Luglio il partigiano Marcello Citano, nome di battaglia “Sugo”, ci ha lasciato all’età di 92 anni. Una vita spesa nella lotta per la libertà e la giustizia sociale, iniziata con l’arruolamento a 17 anni nelle Brigate Garibaldi che liberarono Firenze nell’agosto del 1944 e continuata negli anni con le iniziative di lotta, di informazione, di memoria della resistenza, nelle scuole come nelle fabbriche e nelle piazze.
Di lui ricordiamo la semplicità, la gioia e la determinazione nel combattere il fascismo, in tutte le sfumature che oggi assume. Ricordiamo, e porteremo sempre con noi, i suoi racconti sulla lotta partigiana, su quanto quei compagni anelassero ad una società più giusta, libera da disuguaglianza e sfruttamento, e su quanto questo aspetto della Resistenza sia stato tradito nei decenni a seguire.

Per ricordarlo tutti insieme appuntamento Venerdì 27 alle 18,30 al Cpa Firenze Sud, per dirigersi poi in Piazza Elia della Costa, dove si terrà una cena e la presentazione del progetto musicale che Sugo stava portando avanti da tempo.

Venerdì tutti in piazza!
Ora e sempre resistenza!

CIAO SUGO

Qui l’evento https://www.facebook.com/events/424507328033969/
Ore 18.30 Corteo antifascista dal CPA Fi-Sud fino al monumento per i Caduti di Pian d’Albero in Piazza Elia dalla Costa
Dalle 19.30 in Piazza Elia dalla Costa microfono aperto
A seguire, sempre in Piazza Elia dalla Costa, cena popolare e “I Canti della Brigata Sinigaglia” con il Menestrello.

Corteo per il partigiano Sugo

Corteo per il partigiano Sugo

Il partigiano Sugo

Intervista al partigiano Sugo – Il partigiano Sugo sgombra il campo dai dubbi della storia raccontata dal sindaco Renzi e dai fascisti di Casaggi. In tre passaggi la Liberazione di Firenze, la Chiesa nella Resistenza e i franchi tiratori

 

Posted in 25 Aprile, Firenze Antifascista, iniziative, manifestazione, Partigiani sempre | Comments Off on Venerdì 27 Luglio 2018 Ciao Sugo Partigiani Sempre!

Comunicato su Bekaert

Come compagni e compagne del Camilo Cienfuegos apprendiamo con sgomento della decisione della multinazionale Bekaert (ex Pirelli) di chiudere l’azienda di Figline Valdarno, lasciando a casa oltre 300 dipendenti.

Assistiamo da tempo anche in altre realtà sane tipo Fed ex all’arroganza padronale che non si pone limiti difronte al profitto, anche in un momento di non reale crisi produttiva.

Riteniamo che occorra un reale cambio di strategia per contrastare questa arroganza non delegando la lotta alle stesse organizzazioni sindacali, che in parte sono complici di questa situazione.

Pensiamo che vada riconquistato quel protagonismo operaio che manca e che in passato ha fatto vincere molte battaglie.

Disponibili a qualsiasi iniziativa in sostegno alla vostra lotta.

I compagni e le compagne del Cantiere Sociale Camilo Cienfuegos.

Posted in Cantiere Sociale Camilo Cienfuegos, comunicati | Comments Off on Comunicato su Bekaert

Venerdì 22 Giugno 2018 dalle 14:00 Presidio in P.zza Gramsci – Campi Bisenzio

Salvini Campi non ti vuole!

Venerdi 22 giugno la nostra città vedrà la visita dell’attuale Ministro dell’Interno Salvini, “testa di ponte” di una maggioranza parlamentare che fomenta, avalla e attua politiche xenofobe, sessiste ed omofobe.

Dalla carta stampata alla tv infatti emerge sempre con più forza che in questo contesto di crisi  economica  e sociale diffuse,  l’unico bersaglio su cui sfogare le frustrazioni e la rabbia generate  dall’attacco alle condizioni di vita, di lavoro e di precarizzazione compiute  dagli ultimi governi è il diverso, l’immigrato.

Tuttavia tutti i partiti politici, nessuno escluso, hanno una responsabilità diretta  nella  crescita di sentimenti d’intolleranza e d’odio. Sentimenti alimentati con specifiche campagne, tipiche di chi vuole distrarre l’attenzione e intende sottomettere il popolo.  La cosiddetta lotta al degrado, la militarizzazione del territorio, le derive  securitarie, fino all’emergenza immigrazione o alla criminalità su base etnica.

A dimostrazione di ciò, il decreto Minniti-Orlando dell’uscente governo PD, elogiato anche da Salvini, ha alla base le stesse logiche razziste che si esprimono nei respingimenti in mare, nell’istituzione in Libia di lager a cielo aperto, nell’adesione all’agenzia Frontex, con le operazioni Triton e Themis.

Anche il Sindaco di Firenze Nardella non si è risparmiato da esprimere tutto il suo razzismo affermando che il problema della mancanza di le case popolari a Firenze è dovuta dal fatto che sarebbero occupate per lo più da migranti. Proprio Nardella, come Salvini, alimenta rancore verso chi è scappato da situazioni di grave povertà, in cerca di un futuro e che invece trova un’altra guerra da affrontare. Se le case non ci sono è colpa di chi specula sugli affitti, dei palazzinari e di politiche inadeguate che  anche nel nostro territorio non prevedono la costruzione di nuove case popolari!

In questo modo dunque, i fascisti svolgono quella che è da sempre la loro principale funzione: dividere il proletariato, identificando i colpevoli nei più deboli e  assolvendo i veri responsabili.

È dunque necessario mobilitarsi in ogni occasione che ne richieda l’esigenza, per diffondere sempre più fermamente i valori e l’esempio dell’Antifascismo e della Resistenza. Occorre cooperare e solidarizzare, rifiutando la logica della paura del diverso e dell’individualismo, rimettendo al centro della discussione la comunità, le quotidiane esigenze dei lavoratori, dei più deboli, di chi vive i quartieri, combattendo chi vorrebbe isolarci. Perché è proprio nell’indifferenza e nell’isolamento che partiti come la Lega hanno avvalorato e propagandato le derive xenofobe.

Pensiamo che la presenza di Salvini, sia dannosa e provocatoria per la nostra città. Pensiamo che sia necessario far capire in maniera determinata la totale opposizione alla presenza dell’attuale Ministro degli Interni.

Il Cantiere Sociale Camilo Cienfuegos fa appello a tutte le realtà che si riconoscono nei valori dell’antifascismo, della solidarietà internazionale e dell’antirazzismo ad essere dalle ore 14 in Piazza Gramsci, Campi Bisenzio e a non lasciare agibilità e spazi a chi viola la memoria della Resistenza.

I compagni e le compagne del Cantiere Sociale Camilo Cienfuegos

Posted in Cantiere Sociale Camilo Cienfuegos, comunicati, iniziative, manifestazione | Comments Off on Venerdì 22 Giugno 2018 dalle 14:00 Presidio in P.zza Gramsci – Campi Bisenzio

Sabato 9 Giugno 2018 Corteo antifascista a Scandicci

OGGI COME IERI, FUORI I FASCISTI DAI QUARTIERI

Sabato 9 giugno gli/le antifascisti/e di San Giusto e Scandicci hanno indetto una manifestazione per ribadire la volontà collettiva di chiudere il covo fascista di Casapound che, da poco, ha aperto nella via intitolata al partigiano Elio Chianesi (!), e che rappresenta una presenza sgradita, fastidiosa ed estranea al quartiere. Ci saremo oggi, come ieri a Coverciano, a Signa, a San Jacopino, perché proprio l’intervento capillare, che va oltre il singolo territorio, accumula esperienze e forze capaci di respingere ogni minaccia fascista e razzista, alimentata da politiche d’odio, comode solo a chi le conduce, e non certo a chi nei quartieri ci vive e ci lavora tutti i giorni.

Casapound negli anni ha più volte dimostrato la propria natura squadrista compiendo aggressioni e omicidi ad immigrati/e ed attivisti antifascisti/e. Dovrebbe bastare ricordare l’omicidio di Piazza Dalmazia a Firenze nel 2011 per mano di Casseri, noto militante di Casapound Pistoia. È davvero difficile citare tutte le aggressioni di cui si sono macchiati in questi anni. Tuttavia la realtà ci restituisce un quadro piuttosto chiaro, da Macerata, all’omicidio di Idy Dien a Firenze e di Soumayla in Calabria pochi giorni fa.. il mirino è già puntato contro il nero, il diverso.

Pensiamo che ri-conoscere il piano culturale che ci stanno imponendo sia necessario per comprendere e, dunque, combattere, i temi su cui i fascisti fanno leva con la loro propaganda. Basta leggere qualche giornale o vedere una delle tante trasmissioni TV per rendersi conto che in questo contesto di crisi il diverso, l’immigrato, diventa il facile bersaglio su cui sfogare una rabbia derivata dall’attacco alle condizioni di vita compiute dai governi che hanno fatto della difesa dei grandi interessi economici, banche e imprese, la loro ragion d’essere.

Crediamo che tutte le grandi forze politiche abbiano una responsabilità nella crescita di sentimenti d’intolleranza e paura alimentati proprio da quella retorica sul degrado e sulle strade insicure, sull’emergenza immigrazione, terrorismo ecc. Basta leggere il decreto Minniti-Orlando dell’uscente governo PD, applaudito pochi giorni fa da Salvini, che in nome del decoro vuole eliminare gli indesiderabili, gli ultimi, dalle vetrine delle città bene. Lo stesso Minniti dei respingimenti in mare, lo stesso degli accordi con la Libia per l’istituzione di lager dove i migranti vengono torturati e uccisi lontano da “Casa nostra”. Potremmo anche citare una delle ultime sparate di Nardella sulle case popolari a Firenze secondo cui ce ne sarebbero troppe date agli immigrati; “prima i fiorentini”. Proprio Nardella, come Casapound e Salvini alimenta rancore verso chi è scappato da condizioni di miseria in cerca di un futuro e che, invece, trova un’altra guerra da affrontare.

Se le case non ci sono è colpa di chi specula, dei palazzinari e di politiche inadeguate! E’ importante sottolineare le responsabilità di chi ha creato quelle condizioni di sfruttamento, ricattabilità e precarietà -la vera insicurezza- in cui sempre di più ci troviamo costretti a vivere, studiare e a lavorare. Ed ecco che i fascisti cercano di svolgere così quella che è da sempre la loro principale funzione: dividere i lavoratori, identificando i colpevoli nei più deboli e sviando quella giusta rabbia dai veri responsabili, perché chi ci toglie lavoro, salario, diritti e case non sono certo gli immigranti.

È dunque necessario organizzarsi e diffondere in tutti i territori i valori e l’esempio dell’Antifascismo e della Resistenza, opponendoci al proliferare di nuovi covi fascisti. È nostro compito costruire rapporti di solidarietà e cooperazione, rifiutando la logica della paura e dell’individualismo; è nostro compito rimettere al centro della discussione i bisogni concreti dei lavoratori e di chi vive i quartieri, dei più deboli, sabotando così la narrazione che vorrebbe tenerci impauriti e isolati.

Casapound né a S. Giusto né altrove!
La vera sicurezza è casa, sanità, lavoro per tutte e tutti, la vera sicurezza è un quartiere senza razzismo, fascismo ingiustizia e sfruttamento!

Corteo Antifascista, Ore 17 – Piazza Cavour – Scandicci

Firenze Antifascista

Corteo antifascista Scandicci

Corteo antifascista Scandicci

Posted in Firenze Antifascista, iniziative, manifestazione | Comments Off on Sabato 9 Giugno 2018 Corteo antifascista a Scandicci